It is all too easy to associate Riva with the word "legend" but far more difficult to describe the set of elements that fuel this legend. Printed on the first pages of this book are 170 words taken from testimonials, each of which may be thought of as a small brick in a large castle undergoing continuous evolution and expansion. Try and read them in order and you will see how easily you associate them emotionally and visually with Riva.
On the 170th anniversary of the foundation of the Boatyard, we offer you this collection of 170 testimonials and as many photographs taken over a period of more than sixty years. We wanted to blend them chromatically so that they can be viewed one after another, without a logical sequence, without a series of dates, but relying on the chance alphabetical order of the people who were asked to recount their views, memories and feelings about Riva and its motorboats. You will find famous names of boat owners and users, you will find celebrities, but above all you will realise how deeply and in what ways this boatyard is rooted in the people involved every day in designing and building these products which many describe as true gems of the sailing world. A vast number of books have been written about Riva but not one in which voices mingle, pictures merge and colours fade away to bring out the real essence of the Riva legend. I would like to underline two things and invite you to share them with me: the first is the mutual satisfaction felt by both those who work for Riva and those who own and use one. The second is the similarity in the relationship between boat and owner, whether it be the great Mythos or one of the boats from the 1930s: everyone sees their yacht as being a part of them, almost as if it were an extension of their very selves.
The Aquarama takes the lion's share, there again the best definition of this perfect object is precisely that of "A Legend within a Legend". Considered by all to be the most beautiful boat in the world, the Aquarama is the icon of a brand in continuous evolution. Never resting on its laurels, Riva has constantly offered new models and new shapes and while they share continuity, each has its own specific identity. Since 2000, when the Ferretti Group took over the company, more than fifteen models have been presented on the market: from the smallest 27 foot Iseo to the largest 122-foot Mythos, each one is a reference point for the sailing world. From Carlo Riva to Norberto Ferretti, from Giorgio Barilani to Mauro Micheli, there is continuity in the vision of the product which has been the dream of generations and generations of boat owners whom we wish to thank for their loyalty, affection and esteem towards those whose job it is to renew and develop the Riva Legend day after day.
  Associare la parola mito a Riva è fin troppo facile; molto più difficile è invece descrivere l'insieme di elementi attraverso i quali il mito si alimenta. Nelle primissime pagine del volume sono stampate 170 parole estratte dalle testimonianze, ciascuna delle quali può essere considerata un piccolo mattone di un grande castello in continua evoluzione e ampliamento.
Provate a leggerle in sequenza e vedrete come facilmente le assocerete sentimentalmente e visivamente a Riva. In occasione dei 170 anni dalla fondazione del Cantiere, vi proponiamo questa raccolta di 170 testimonianze e di altrettante immagini scattate nell'arco di oltre sessant'anni. Le abbiamo volute armonizzare dal punto di vista cromatico proprio per consentire di guardarle, una dopo l'altra, senza sequenza logica, e senza successione di data, ma affidandoci al caso dell'ordine alfabetico delle persone chiamate a raccontare la loro visione, il loro ricordo, il loro sentimento nei confronti di Riva e dei suoi motoscafi. Troverete nomi famosi di armatori e utilizzatori, troverete personaggi di grande fama, ma soprattutto avrete la possibilità di capire quanto e come questo cantiere è radicato nelle persone chiamate tutti i giorni a progettare e a costruire quei prodotti, definiti da molti, veri gioielli della nautica mondiale.
Fra i tantissimi libri scritti su Riva, mancava un volume all'interno del quale le voci si mischiassero, le immagini si fondessero, i colori sparissero così da far emergere la vera essenza del mito Riva. Due cose vorrei sottolineare invitandovi a condividerle: la prima è la comune soddisfazione sia di chi lavora in Riva sia di chi i Riva li possiede e li utilizza. La seconda, è l'identità del rapporto fra barca e armatore, si tratti del grande Mythos o di una barca degli anni Trenta, ognuno, infatti, vede il suo yacht come una parte di sé, quasi fosse una estensione del proprio io. La parte del leone la fa l'Aquarama, del resto la migliore definizione di questo oggetto perfetto è proprio quella di "Mito nel Mito". Da tutti giudicata la più bella barca del mondo, l'Aquarama è l'icona di un marchio in continua evoluzione.
Senza mai sedersi sugli allori, Riva ha saputo continuamente proporre nuovi modelli e nuove forme in continuità fra loro, ma con una propria specifica identità. Da quando nel 2000, il Gruppo Ferretti ha rilevato l'azienda, sono oltre quindici i modelli presentati al mercato: dal più piccolo Iseo di 27 piedi al più grande Mythos di 122, ognuno rappresenta un riferimento per il mondo della nautica. Da Carlo Riva a Norberto Ferretti, da Giorgio Barilani a Mauro Micheli, c'è una continuità di visione di prodotto, capace di far sognare generazioni e generazioni di armatori ai quali vanno i nostri ringraziamenti per la fedeltà, l'affetto e la stima verso chi, ogni giorno, è chiamato a rinnovare e ad accrescere il Mito Riva.
 
     
    Ferruccio Rossi
Ferretti Group CEO
     
 

Copyright © 2012. All Rights Reserved.

Developed by Alberto Pedrali srl